Cosa vedere a pochi chilometri da Isernia

La Città monastica di San Vincenzo al Volturno, sorta nel 703 ai piedi della catena montuosa delle Mainarde, ospitava nel suo interno otto chiese e decine di edifici. Il saccheggio dei saraceni nel 881 ne segnò il declino. Attualmente si visita lo scavo, dove è custodito un piccolo gioiello: la cripta dell’Abate Epifanio, interamente decorata con affreschi, tra i più importanti dell’alto medioevo.

L’area archeologica di Pietrabbondante, il più importante monumento del mondo sannitico.
Il complesso, comprende un teatro, un tempio e due edifici, tutto realizzato in pietra lavorata a faccia vista. Il teatro ha i caratteristici sedili anatomici con la spalliera leggermente rigettata all'indietro, ciascuno ricavato da un solo blocco di pietra.

La Pontificia Fonderia Marinelli di Agnone che fonde campane dall’anno mille. 

 

Ambiente e natura

Le caratteristiche del territorio fanno del paesaggio della provincia di Isernia una meta imperdibile per gli amanti della montagna, degli animali e dell’ambiente. Corsi d’acqua, laghi e fiumi attraversano oasi e riserve naturali; fauna e flora, caratteristiche dei diversi luoghi, coesistono in un favoloso equilibrio. La protezione, il rispetto e la cura di queste magnifiche aree concorrono allo splendore e all’originalità di questo cuore verde dalla geomorfologia così diversa da creare incantate zone rare ed esclusive.

 

Prodotti tipici

I prodotti tipici sono espressione di antiche tradizioni e riescono ancora a mantenere alte qualità delle materie prime e la sapienza dei metodi di lavorazione come i prodotti caseari

Copyright © 2011 B&B Gli orti — Via Kennedy 2a - 86170 Isernia — info@gliorti.net